Logo stampa
menù responsive
SCHEDE INFORMATIVE

Il sistema fognario di Padova

Il sistema fognario della città di Padova è costituito da due collettori principali che conferiscono al depuratore di Ca’ Nordio:

  1. Il collettore Centro storico (acque nere) raccoglie i reflui provenienti da:
    • Centro storico;
    • Quartiere Sant’Osvaldo;
    • Quartiere Forcellini;
    • Quartiere Terranegra-San Gregorio;
  2. Il collettore Fossetta (acque miste) raccoglie i reflui provenienti da:
    • Zona Nord di Padova;
    • Zona Ovest di Padova.

La rete di acque nere della zona industriale recapita i reflui provenienti da Zona Industriale, Zona di Camin, Comune di Noventa Padovana e Comune di Saonara all’impianto di sollevamento ZIP che rilancia i reflui direttamente al depuratore di Ca’ Nordio.

Il sistema fognario del Comune di Abano Terme è costituito da reti separate; la rete di acque nere è recapitata al depuratore Comunale della capacità di 35.000 abitanti equivalenti. L’impianto di Abano Terme è di tipo biologico a fanghi attivi con annesso trattamento terziario dei liquami (denitrificazione) per la rimozione dell’azoto. Lo scarico dell’impianto recapita nel Rio Rialto.

Per la zona di Padova posta a sud del Canale Scaricatore e il Comune di Abano Terme, la rete di raccolta è principalmente di tipo separativo; si sviluppa in un insieme di collettori di varia dimensione e importanza afferenti ai depuratori Guizza, Abano Terme, Ponte San Nicolò e Albignasego.

Per smaltire le acque di pioggia le reti miste e bianche interagiscono con il sistema delle acque superficiali consorziali (canali dei Consorzi di bonifica) e demaniali (fiumi e canali del Genio civile). Quest’ultimo aspetto conferisce un elevato grado di complessità al sistema che deve, contemporaneamente, risolvere i problemi di natura igienica e quelli di funzionalità idraulica.

Per far fronte a questa situazione è stato un programmato un significativo potenziamento delle infrastrutture idraulico-fognarie diffuse nel territorio, all’interno di una pianificazione pluriennale delle opere, disciplinata dall’Autorità d’ambito, di notevole importanza sia dal punto di vista finanziario sia tecnico-progettuale.

La gestione della rete fognaria si articola in:

  • esercizio e nella manutenzione dei collettori, di 2 paratoie automatizzate e di 98 impianti di modulazione e di sollevamento che rilanciano le portate reflue agli impianti di depurazione;
  • esercizio e nella manutenzione dei dispositivi di raccolta delle acque piovane e dei 22 impianti di sollevamento a servizio dei sottopassi stradali.

I reflui prodotti nell’area di Padova vengono trattati nei seguenti depuratori:

  • Ca’ Nordio: depuratore biologico della potenzialità di 197.000 A.E. del tipo a fanghi attivi con trattamenti di tipo terziario con scarico nel Canale Roncajette. Comprende la linea fanghi con stabilizzazione degli stessi tramite digestione anaerobica di tipo mesofilo e la successiva disidratazione a mezzo decanter; l’impianto è comprensivo di una linea trattamento rifiuti dove vengono trattati i residui ottenuti dalle operazioni di manutenzione delle fognature (fino a un massimo di 10.000 ton/anno) e i fanghi da fosse settiche (per un massimo di 20.000 ton/anno);
  • Guizza: depuratore biologico della potenzialità di 13.000 A.E. del tipo fanghi attivi con trattamenti di tipo secondario con scarico nel corpo idrico denominato “Scolo Amolari”;
  • Abano Terme: depuratore biologico della potenzialità di 35.000 A.E. del tipo a fanghi attivi con trattamenti di tipo terziario con scarico nel corpo idrico denominato “Scolo Rialto”. L’impianto è comprensivo di una linea trattamento rifiuti dove vengono trattati i residui ottenuti dalle operazioni di manutenzione delle fognature (fino a un massimo di 2.000 ton/anno) e i fanghi da fosse settiche (per un massimo di 5.000 ton/anno);
  • Via Stefanini nel Comune di Padova serve la lottizzazione “Montà-area ovest”;
  • Via Comboni nel Comune di Padova serve le lottizzazioni “Agostani” e “Cardin”;
  • Via Croce Verde nel Comune di Padova serve la lottizzazione "Montà-area est”;
  • Via Cardinal Massaia nel Comune di Padova serve la lottizzazione "Biscia-Montà".

Nei depuratori di Ca' Nordio e di Abano Terme sono presenti anche:

  • la linea fanghi con stabilizzazione degli stessi tramite digestione anaerobica di tipo mesofilo e la successiva disidratazione a mezzo decanter. Il trattamento permette il riutilizzo del fanghi così ottenuti in agricoltura;
  • la linea trattamento rifiuti dove vengono trattati i residui ottenuti dalle operazioni di manutenzione delle fognature, delle fosse settiche.

Le analisi condotte dal laboratorio chimico di Padova permettono di effettuare tutte le regolazioni necessarie a mantenere costante il rendimento depurativo, verificandone la conformità ai parametri previsti dalla legge. Sono previsti per i prossimi anni investimenti nella estensione, nella bonifica e nel miglioramento delle reti. Di particolare rilievo l’intervento pianificato e attualmente in itinere sul depuratore di Ca' Nordio, che ne porterà la potenzialità complessiva a 200.000 abitanti equivalenti, con grande beneficio per la qualità delle acque superficiali.

 
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
 
Economia circolare
 
economia circolare
 
 
Aggiungere valore
 
aggiungere valore
 
 
 
La #raccoltadifferenziata a #barcola per continuare a proteggere l'#ambiente e ...
Rifiuti ingombranti? Veniamo a prenderli noi! Chiama il Servizio Clienti ...
Innovazione da oltre un secolo]
A #Trieste l’#acqua nelle case arrivò ...
Quante #mascherine troviamo per terra! Per la tua #salute, per ...