Logo stampa
menù responsive
UFFICIO STAMPA
Gorizia - 20/05/2020

Zona industriale di Gorizia: la rete elettrica diventa resiliente per anticipare i blackout

Posato un chilometro di cavi nella zona industriale di Gorizia

La zona industriale goriziana ha una rete elettrica nuova di zecca: quasi 1 km di cavi in media tensione sono stati posati da AcegasApsAmga nelle ultime settimane a favore delle circa 30 grandi utenze presenti nella zona. Inoltre, per predisporre l’area a una futura espansione, la multiutility ha già potenziato ulteriormente la rete elettrica che sarà quindi pronta ad accogliere ulteriori grandi utenze che potrebbero svilupparsi nella zona industriale.

Gli aspetti rilevanti dell’intervento non finiscono qui: la particolarità del progetto risiede infatti nelle modalità con cui è stato progettato e programmato. AcegasApsAmga ha avviato dal 2019 nel goriziano un’attività di monitoraggio che permette di verificare lo stato di salute della rete elettrica, detta “manutenzione predittiva”. Grazie a questa tecnica la multiutility aveva così identificato nella zona industriale dei punti sensibili sulle condotte che avrebbero portato a guasti, con conseguenti blackout alle utenze collegate.

AcegasApsAmga ha in questo modo potuto progettare e programmare in anticipo l’intervento di sostituzione del cavo in questione, evitando in questo modo un futuro blackout della zona per il logoramento della condotta.

La manutenzione predittiva: prevenire i blackout

L’intervento realizzato nella zona industriale deriva da un più ampio piano che sta vedendo coinvolta tutto la rete del comune di Gorizia. Il progetto di manutenzione predittiva nasce nell’ottica di migliorare la resilienza della rete per raggiungere un nuovo livello nella super-continuità dei servizi: invece di intervenire sul guasto, lo si anticipa.

Se un evento, come il colpo di un fulmine è assolutamente imprevedibile, ci sono situazioni altrettanto difficili da prevedere, quasi impossibili, a causa delle troppe variabili, come il logoramento di un cavo su una rete di quasi 500 km come quella di Gorizia. Grazie alla manutenzione predittiva trovare in anticipo il punto di rottura ed evitare un blackout non è però più impossibile.

Questo progetto sperimentale permette infatti di leggere lo stato della rete, identificando anche microscopiche lesioni, grazie a strumenti estremamente sensibili. L’introduzione di questa innovativa tecnologia ha risvolti estremamente pratici sulla vita quotidiana dei cittadini: lo staff della multiutility, individuata l’area danneggiata, programma un intervento puntuale prima della rottura del cavo, evitando quindi l’insorgere di un blackout agli utenti allacciati, come fatto nella zona industriale di Gorizia.

I benefici del progetto sono quindi molteplici per i cittadini che potranno giovarsi di una rete riqualificata puntualmente grazie a lavori programmati e non realizzati in urgenza. Sarà così possibile ridurre i disagi dei cittadini dovuti alle interruzioni del servizio di distribuzione dell'energia elettrica.

 
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
 
Economia circolare
 
economia circolare
 
 
Aggiungere valore
 
aggiungere valore
 
 
 
[Insieme per superare l'emergenza]
“Non ho mai visto Gorizia così. La ...
Dove lo butto? Se hai dubbi su come conferire i ...
A chi si prende cura degli altri.
A chi si prende ...
Gli Educational Kit de