Logo stampa
menù responsive
UFFICIO STAMPA
17/04/2018

Sicurezza acqua: gestori di Veneto e FVG a confronto

Aziende idriche ed enti di controllo assieme

Come sta cambiando il concetto di potabilità dell'acqua? Come contrastare efficacemente i cosiddetti inquinanti emergenti (Pfas, ma non solo)? Come è possibile migliorare le sinergie fra gestori acqua per mettere in sicurezza la risorsa idrica e offrire un servizio più efficiente ed efficace, anche a fronte dei mutamenti climatici? Sono questi alcuni dei temi attorno a cui hanno ragionato questa mattina i vertici delle più importanti aziende del servizio idrico di Veneto e Friuli Venezia Giulia: Acque del Chiampo, Acque Venete, Acque Veronesi, AcegasApsAmga, Cafc, Etra, Medio Chiampo, Veritas, Viacqua. Assieme a loro i rappresentanti delle autorità di controllo: Istituto Superiore di Sanità, ARPAV e ATO Bacchiglione. L'incontro, è stato organizzato, con il patrocinio dell'Ordine Interprovinciale dei Chimici del Veneto, da AcegasApsAmga ed Heratech, la società del Gruppo Hera a cui sono affidati i laboratori di analisi del Gruppo e che ha recentemente acquisito il laboratorio del Centro Idrico di Novoledo.
L'incontro si è svolto proprio nella sede del Centro Idrico di Novoledo, inserito all'interno dell'Oasi naturalistica di Villaverla, in cui si trovano alcuni dei pozzi che alimentano le reti idriche di Padova (gestita da AcegasApsAmga) e Vicenza (gestita da Viacqua).

Potabilità dell'acqua: un concetto in profonda evoluzione

Attraverso alcuni interventi frontali e due tavole rotonde, gestori e organi di controllo hanno innanzitutto affrontato il tema della potabilità dell'acqua, particolarmente sentito in regione, a causa dei fenomeni di inquinamento da Pfas. Il confronto si è concentrato sull'evoluzione che il concetto stesso di potabilità dell'acqua sta subendo, principalmente per due fattori. Da un lato la necessità di recepire nella normativa europea e nazionale una serie di sostanze (i cosiddetti inquinanti emergenti), il cui monitoraggio a oggi non è regolato da limiti precisi. Dall'altro, l'emergere di un approccio alla gestione basato sulla mappatura di tutti i rischi a cui è soggetta la fornitura idrica e per cui sarà sempre più importante la stesura dei cosiddetti water safety plan (piani della sicurezza idrica) che ogni gestore dovrà predisporre, anche in coordinamento con gli altri.

Collaborazione fra gestori: necessità sempre più stringente

Altro tema dibattuto è stato quello della cooperazione e delle sinergie fra i diversi gestori. In un contesto ancora molto polverizzato, per offrire ai cittadini la totale sicurezza dell'erogazione idrica è sempre più importante generare sinergie e mettere il più possibile a fattor comune gli investimenti (ad esempio, nei laboratori o nelle reti). In quest'ambito sono risultate di particolare interesse le esperienze del Consorzio Viveracqua o dei gestori del Friuli Venezia Giulia, impegnati in uno stretto coordinamento per la stesura dei water safety plan, o la collaborazione attuata da decenni tra Padova e Vicenza con il Centro Idrico di Novoledo.

I piani di monitoraggio delle acque

Durante la mattinata di lavoro sono state trattate anche tematiche prettamente tecniche, di impatto sui Laboratori. Fra queste, ad esempio, l'evoluzione a cui sono sottoposti i piani di monitoraggio delle acque, strumenti attraverso i quali i gestori pianificano, con i laboratori, controlli e analisi da effettuare sulla rete. L'evoluzione, soprattutto nel Veneto, è discesa della necessità di garantire un maggior controllo sui Pfas e ha coinvolto, oltre alle acque potabili, anche le acque reflue e il ruolo importante dei laboratori.

Innovazione per garantire efficacia ed economicità dei laboratori

Il confronto ha inoltre riguardato l'innovazione applicata alle attività dei laboratori, in cui per garantire efficacia ed economicità di gestione a fronte di nuove esigenze di analisi, è di primaria importanza lo sviluppo di tecnologie innovative. Fra queste si è parlato di controlli in continuo sugli impianti.

 

 
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
 
Economia circolare
 
economia circolare
 
 
Aggiungere valore
 
aggiungere valore
 
 
 
La #raccoltadifferenziata a #barcola per continuare a proteggere l'#ambiente e ...
Rifiuti ingombranti? Veniamo a prenderli noi! Chiama il Servizio Clienti ...
Innovazione da oltre un secolo]
A #Trieste l’#acqua nelle case arrivò ...
Quante #mascherine troviamo per terra! Per la tua #salute, per ...