Logo stampa
menù responsive
UFFICIO STAMPA
15/07/2021

Acqua: un bene prezioso da non sprecare

Comportamenti ecosostenibili: 10 consigli water-saving

L’Italia ha un triste podio in Europa: è al secondo posto, dopo la Grecia, per il consumo di acqua pro-capite con ben 153 metri cubi annui  a testa (Fonte: Istat 2018). E’ al primo posto in Europa, invece, per volume complessivo d’acqua prelevato per uso potabile, con 9,3 miliardi di metri cubi l’anno.

In estate, inoltre, il consumo idrico aumenta di circa il 20%. Dobbiamo sapere che l’acqua è una risorsa preziosa e finita (intesa come acqua potabilizzata e pronta per essere bevuta), dunque da usare con attenzione. Perridurre il consumo idrico, ognuno di noi può dare un piccolo contributo: è sufficiente acquisire ogni giorno un comportamento ecologicamente responsabile. AcegasApsAmga presenta di seguito dieci buone abitudini per evitare gli sprechi d’acqua e fare un po' di economia sulla bolletta.

  1. Usa un frangigetto sul rubinetto: si tratta di un dispositivo meccanico applicabile alla bocca di erogazione del proprio lavandino che favorisce un notevole risparmio. Una famiglia di tre persone può risparmiare circa 6.000 litri d'acqua in un anno.
  2. Chiudi il flusso d’acqua quando non necessario: spegnere l’acqua quando non serve, senza farla scorrere senza motivo (ad esempio quando ci si lava i denti), porta un risparmio di circa 2.500 litri di acqua per persona all'anno.
  3. Ripara il rubinetto che gocciola: permette di risparmiare in un anno circa 21.000 litri d'acqua e dormire sonni più tranquilli.
  4. Attenzione al water che perde: aggiustandolo si può evitare il lento ma costante fluire dell'acqua, con un risparmio di circa 52.000 litri d'acqua in un anno.
  5. Controlla la cassetta di scarico per evitare perdite e malfunzionamenti , magari sostituendola con sistemi per un consumo più razionale (a manovella, a rubinetto o diversificato) che liberano a scelta 6-12 litri d'acqua: ottieni un risparmio del 50%, circa 26.000 litri d'acqua in un anno.
  6. Preferisci la doccia al bagno. Per una doccia si utilizzano circa 20 litri d'acqua, mentre per un bagno ne occorrono circa 150 litri.
  7. In cucina, lava le verdure lasciandole a mollo, anziché in acqua corrente : per una famiglia di tre persone, questo piccolo gesto porta a un risparmio di circa 4.500 litri all'anno.
  8. Utilizza lavatrice e lavastoviglie a pieno carico : per una famiglia "tipo" di tre persone, quest’attenzione consente un risparmio di 8.200 litri all'anno.
  9. Lava l'automobile usando il secchio e non l'acqua corrente del getto: in questo modo potrai risparmiare circa 130 litri d'acqua potabile per ogni lavaggio.
  10. Riutilizza l’acqua già impiegata per altro (senza sostanze estranee all’interno) per innaffiare l'orto : un’azione che consente di risparmiare in un anno circa 6.000 litri d'acqua potabile.

La situazione in Europa

Nella classifica dei consumi d’acqua dopo l’Italia ci sono Irlanda (128 metri cubi all’anno), Bulgaria (119), Croazia (111). La maggior parte degli Stati membri, 20 Paesi su 27, ha prelevato tra 45 e 90 metri cubi di acqua dolce per persona per l’approvvigionamento pubblico. Il volume più basso si registra a Malta, con 30 metri cubi all’anno a persona.

L’impegno AcegasApsAmga contro le perdite idriche

Anche le perdite idriche impattano sull’indice del consumo d’acqua procapite. AcegasApsAmga è impegnata in prima linea contro la lotta agli sprechi d’acqua, causate dalle perdite idriche delle reti, attraverso una continua ricerca di tecnologie innovative per una gestione idrica più efficiente. La media italiana, secondo l’Istat, delle perdite d’acqua è del 42% ed è tristemente in aumento. Dato però in controtendenza è quello di AcegasApsAmga, che ha adottato alcune strategie per diminuire le perdite della rete idrica, in linea con l’obiettivo 6 dell’agenda 2030 dell’Onu (Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e servizi igienici per tutti). Dal 2013 a oggi l’attività di AcegasApsAmga ha permesso di risparmiare a Padova circa 4,5 milioni di m3 immessi in rete (vale a dire 4,5 miliardi di litri non sottratti alle falde, 2.500 MWh di energia elettrica e 473 TEP - tonnellate di petrolio equivalente) e a Trieste circa 10,5 milioni di m3 (vale a dire 10,5 miliardi di litri non sottratti alle falde, 2.000 MWh di energia elettrica e 363 TEP).

 
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
 
Economia circolare
 
economia circolare
 
 
Aggiungere valore
 
aggiungere valore
 
 
 
La #raccoltadifferenziata a #barcola per continuare a proteggere l'#ambiente e ...
Rifiuti ingombranti? Veniamo a prenderli noi! Chiama il Servizio Clienti ...
Innovazione da oltre un secolo]
A #Trieste l’#acqua nelle case arrivò ...
Quante #mascherine troviamo per terra! Per la tua #salute, per ...