Logo stampa
UFFICIO STAMPA
Padova - 08/05/2019

La raccolta differenziata arriva al Parco Iris

È attivo il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti al Parco Iris. In questi giorni i tantissimi padovani (e non solo) che frequentano il grande parco cittadino (di oltre 32 mila metri quadrati) troveranno nuovi cestini per gettare in maniera separata le diverse tipologie di rifiuto, grazie all'iniziativa voluta dal Comune di Padova e realizzata da AcegasApsAmga.

«Si tratta di un servizio sperimentale che abbiamo inserito nel Pef di quest'anno - spiega l'assessora all'Ambiente - La raccolta differenziata nei parchi è poco diffusa anche a livello nazionale, ma riteniamo importante dare la possibilità di differenziare e conferire correttamente i rifiuti in tutta la città e anche nelle aree di svago e in cui si gode della natura, rispettandola: per questo è un'iniziativa a cui teniamo molto. Abbiamo scelto il Parco Iris perché è un'area particolarmente apprezzata e frequentata. La raccolta differenziata contribuisce a rendere più piacevole e vivibile il parco e oltre ad avere un indubbio impatto ambientale contribuisce a diffondere un'abitudine fondamentale. Sulla base dei riscontri della sperimentazione al Parco Iris contiamo di continuare nella stessa direzione in tutti i parchi e le aree verdi cittadine».

«In qualità di gestori del servizio di raccolta rifiuti, siamo lieti di aderire a questa iniziativa che racchiude un significato civico e ambientale - afferma Simone Norbiato, Responsabile Servizi Ambientali di Padova AcegasApsAmga - La nostra Azienda, insieme all'Amministrazione Comunale, lavora costantemente per educare e sensibilizzare i cittadini verso l'importanza della raccolta differenziata e del rispetto ambientale. L'introduzione di un modello sperimentale di raccolta dei rifiuti all'interno del Parco Iris è un ulteriore conferma dell'impegno verso un ambiente più sostenibile e un invito ad un comportamento responsabile a salvaguardia del territorio».

I cestini "a trespolo" presenti nel parco sono stati sostituiti dai tecnici di AcegasApsAmga con delle batterie complete composte da cinque cestini (organico, vetro, plastica e lattine, carta e indifferenziato) uniti e installati in dieci postazioni in tutto il Parco.

 
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
 
Economia circolare
 
economia circolare
 
 
Aggiungere valore
 
aggiungere valore