Logo stampa
HomeAttività e serviziTeleriscaldamento

Teleriscaldamento

motore palestro

Teleriscaldamento

AcegasApsAmga SpA è consapevole del crescente peso che hanno assunto negli ultimi anni le problematiche ambientali legate alla necessità di operare un sempre più efficiente risparmio energetico, ai fini di garantire la qualità della vita non solo dei propri clienti, ma più in generale delle generazioni future.
In tale ottica si iscrive lo studio di una serie di progetti e lo sviluppo di iniziative finalizzate alla realizzazione di impianti orientati al risparmio energetico.

La centrale "Teletermo" di via Palestro a Padova

AcegasApsAmga SpA ha già realizzato e attivato un'importante progetto pilota per il teleriscaldamento urbano, servizio che consiste nel trasferimento a distanza di calore - proveniente da centrali termiche convenzionali e di cogenerazione utilizzando, come vettore energetico l'acqua calda.

La centrale "teletermo Palestro", che è entrata in servizio nel 2004, fornisce calore ad alcune utenze del quartiere Savonarola di Padova mediante una piccola rete di teleriscaldamento. All'avvio la centrale era dotata di una caldaia da 3 MW di potenza e di un cogeneratore Jenbacher JMS 212 da 511 kW elettrici e 670 kW termici. Nel 2008 è stata potenziata con l'installazione di una seconda caldaia da 2 MW .
Le principali utenze collegate sono:
- complesso ATER
- complesso INPDAP
- complesso ESU

Che cos'è il teleriscaldamento

É una soluzione alternativa, rispettosa dell'ambiente, sicura ed economica per la produzione di acqua igienico sanitaria e il riscaldamento degli edifici residenziali, terziari e commerciali. Inoltre, l'utilizzo del sistema di "cogenerazione" consente anche la contemporanea produzione di energia elettrica.
Il termine "teleriscaldamento" sottolinea la peculiarità del servizio, ossia la distanza esistente tra il punto di produzione del calore e i punti di utilizzo: il cuore del sistema risiede in una centrale di cogenerazione che può servire edifici situati anche ad alcuni chilometri di distanza da essa.

Cosa significa cogenerazione

Questa è la definizione che la normativa UNI dà della cogenerazione: "Si definisce processo di cogenerazione l'insieme delle operazioni volte alla produzione combinata di energia meccanica/elettrica e calore, entrambi considerati effetti utili, partendo da una qualsivoglia sorgente di energia. Il processo deve realizzare un uso più razionale dell'energia primaria rispetto a processi che producono separatamente le due forme di energia. La produzione di energia meccanica/elettrica e calore deve avvenire in modo sostanzialmente interconnesso in cascata".

Come è composto l'impianto

L'impianto di Teleriscaldamento risulta sinteticamente composto, oltre che da una centrale termica ove viene prodotto il calore, da una rete di trasporto e distribuzione, costituita da speciali condotte sotterranee, e da un insieme di sottocentrali. Queste ultime, situate nei singoli edifici, sono costituite da "scambiatori di calore" e rendono possibile l'utilizzo del calore.

Come funziona?

La centrale riscalda, alla temperatura di circa 80°C, l'acqua che viene distribuita ai diversi edifici attraverso la rete di distribuzione. Giunta allo scambiatore, l'acqua della rete trasferisce all'acqua dell'impianto interno del circuito dell'utenza, il calore necessario per riscaldare gli ambienti. Alla fine di questo processo, l'acqua ormai raffreddata a circa 68°C, ritorna in centrale per essere nuovamente riscaldata. L'energia elettrica prodotta nella centrale di cogenerazione, al netto degli autoconsumi, viene immessa nella rete di distribuzione.

Il recupero del calore dai motori di cogenerazione

Il recupero del calore avviene sfruttando quell'energia termica che andrebbe dissipata nel circuito di raffreddamento, in quello di lubrificazione e con i fumi. Per i motori sovralimentati si può recuperare calore anche raffreddando l'aria uscente dal compressore. I motori a combustione interna hanno un rendimento elettrico molto elevato (η= 0,40 - 0,46)che li rende competitivi anche a carico termico nullo (ad esempio nel periodo estivo); per contro il calore è disponibile a bassa temperatura (T<100°C). Generalmente sono utilizzati motori Diesel sovralimentati con potenze di 50-60 kW.
Presso la centrale di via Palestro è installato un motore ciclo 8 costruito dalla GE Jenbacher, a 12 cilindri, alimentato a metano con potenza di 511 kW elettrici e 670 kW termici.

 
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera
 
 
Presentazione del Gruppo
 
Presentazione del Gruppo Hera - 2016
 
 
Dove sei, ci siamo.
 
TV spot