Logo stampa
SERVOLA: IL DEPURATORE CHE PARLA CON IL MARE

Un cantiere di 3 anni per un grande obiettivo comune

cantiere 3 nnni

L'avvio del nuovo impianto di Servola, oltre ad assicurare una depurazione ancora più efficace ai reflui della città di Trieste, ha consentito di arrestare la procedura di infrazione comunitaria a cui la Regione Friuli-Venezia Giulia era sottoposta dal 2008.
All'origine del provvedimento stava il trattamento biologico, che sino ad ora era stato assicurato da una condotta sottomarina di 7,5 km dotata di 600 torrini diffusori. Il nuovo depuratore integra invece a terra questa importante fase del trattamento, facendo rientrare pienamente l'impianto all'interno della disciplina europea.

Il risultato è arrivato dopo oltre tre anni di intenso lavoro, grazie alla guida della regione Friuli-Venezia Giulia e a know-how e capacità finanziaria di AcegasApsAmga e Gruppo Hera.
L'obiettivo è stato reso possibile anche dalla proficua collaborazione fra tutti gli enti del territorio coinvolti: Regione Friuli-Venezia Giulia, Arpa FVG, Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste, Autorità Portuale, Comune di Trieste, Provincia di Trieste, Cato (Consulta d'ambito per il servizio idrico integrato orientale triestino), Capitaneria di Porto e Rete Ferroviaria Italiana.

 
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera
 
 
Presentazione del Gruppo
 
Presentazione del Gruppo Hera - 2016
 
 
Dove sei, ci siamo.
 
TV spot